Curriculum vitae da Consulente

Come scrivere un CV da consulente di successo

Crea ora il tuo curriculum

Modello di curriculum vitae da Consulente

Idee e consigli per il curriculum da Consulente

I consulenti sono enormemente richiesti sul mercato grazie alla loro esperienza specifica e la facilità con cui possono risolvere problemi. Purtroppo, però, c’è anche un’enorme competizione per trovare lavoro nelle società di consulenza più importanti e per aggiudicarsi i clienti più appetibili.

Come farsi notare, quindi, in un mare di migliaia di candidature?

Il CV da consulente può essere l’arma che ti permette di sbaragliare la concorrenza ed essere subito richiamato per un colloquio.

In questo articolo imparerai:

  • I migliori trucchi per scrivere un curriculum da consulente d’impatto
  • Come attirare subito l’attenzione degli addetti alla ricerca di personale
  • Quali sezioni di un CV da consulente sono le più importanti
  • Quali parole-chiave si usano nel mondo della consulenza

Inoltre, troverai esempi pratici di curricula per consulenti.

Consigli essenziali per il tuo curriculum vitae

Formato

Ordine cronologico inverso, a volte combinato

Design

Adattato all’azienda e il campo per cui si fa domanda, sempre professionale

Foto

Non necessaria, spesso gradita

Come organizzare le sezioni

    Obbligatori:

  • Dati personali e di contatto
  • Introduzione
  • Esperienze professionali
  • Abilità specifiche
  • Formazione accademica

    Opzionali:

  • Progetti specifici
  • Premi e riconoscimenti
  • Certificati e qualifiche
  • Lingue straniere
Lunghezza del CV

1 o 2 pagine in formato A4

Formato

Di solito, il formato in ordine cronologico inverso è preferibile perché, essendo quello più tradizionale, è anche quello a cui sono più abituati gli addetti alla ricerca di personale.

Certo è che il formato di un CV va adattato al profilo di chi scrive. Se per esempio sei un libero professionista, è meglio sostituire la sezione delle professioni ricoperte a tempo pieno con i progetti completati con successo.

In ogni caso, bisognerà partire dall’ultimo lavoro (compreso quello attuale) e procedere a ritroso nel tempo. Non c’è bisogno di includere esperienze risalenti a decadi fa, soprattutto se non sono rilevanti per la tua professione attuale.

Alcuni candidati potrebbero beneficiare di un formato combinato. Questo tipo di CV mette al centro le capacità specifiche di chi scrive più che le esperienze lavorative pregresse. È ideale non solo per chi è alle prime armi e ancora non ha collaborato con molte azienda ma anche per chi ha un profilo altamente specializzato e abilità tecniche non comuni, che richiameranno subito l’attenzione di chi legge.

Design

Il ruolo principale del design di un CV è quello di guidare e facilitare la lettura. Scelte grafiche sgargianti ed eccentriche potrebbero giocare a tuo sfavore perchè distrarrebbero o addirittura darebbero fastidio al lettore.

Normalmente, è preferibile usare un design semplice e professionale. In alcuni casi, imitare il design dell’organizzazione per cui si sta facendo domanda può essere una strategia originale e vincente.

Se non sei un esperto, ricorda che puoi sempre avvalerti dei nostri modelli di curriculum da consulente preformati. Scegli quello che più fa al caso tuo, completalo con i tuoi dati, e in pochissimi minuti avrai il tuo CV da consulente pronto.

Foto

Le foto nel curriculum sono sempre meno richieste, soprattutto al di fuori di campi come quelli del cinema e della moda. Questo però non vuol dire che molte aziende non possano apprezzare il tocco personale che danno a una candidatura.

Se decidi di inviare una foto, ricorda di mantenerla sempre professionale, con un mezzo busto o primo piano. Evita l’uso di filtri e makeup eccessivo.

Come organizzare le sezioni

Il modo in cui organizzerai le sezioni influenza la maniera in cui il tuo curriculum viene letto. È quindi fondamentale dare un ruolo centrale alle sezioni che ritieni più di impatto e sottolineare le informazioni più importanti.

Ecco le sezioni fondamentali in un curriculum da consulente:

  • Dati personali e di contatto, non solo nome e numero di telefono, ma anche città e profilo LinkedIn
  • Introduzione. Questo è un paragrafo iniziale di primaria importanza perchè equivale alla prima impressione che lascerà il tuo CV
  • Esperienze professionali, indicando con precisione le date e i nomi dei datori di lavoro
  • Abilità specifiche che ti confermano immediatamente come un esperto nel tuo settore
  • Formazione accademica soprattutto se rilevante per il tuo campo di consulenza

Lunghezza del CV

Normalmente, un CV da consulente non dovrebbe superare le 2 pagine in formato A4. Ci sono alcune eccezioni (soprattutto nell’ambito accademico e della ricerca) ma ricorda sempre che un curriculum troppo lungo potrebbe facilmente giocare a tuo sfavore.

Sezioni di un CV per Consulente

Il curriculum da consulente va compilato con cura in tutte le sue parti. Certo è che alcune sezioni andrebbero scritte e revisate con ancora più attenzione perché sono le parti su cui il lettore si concentra di più. Non c’è margine di errore qui e la tua scrittura deve essere al meglio. Vediamole nel dettaglio.

Obiettivo

La pratica di aggiungere un’introduzione al CV si sta diffondendo sempre di più. È un’ottima occasione per mettere subito in evidenza le tue capacità più uniche e i risultati più importanti che hai raggiunto.

Ricorda che deve essere un paragrafo breve di massimo 1 o 2 righe e che deve essere di forte impatto. Non pensarlo come a un sommario del CV ma come al momento per far brillare il tuo profilo e attirare subito l’attenzione del lettore. Molti scelgono anche di spendere un paio di parole sul tipo di organizzazione che stanno cercando.

Esperienze professionali

Spesso si scorre in fretta il curriculum per arrivare a leggere questa sezione per prima. Ricorda che gli addetti alla ricerca di personale sono estremamente impegnati e ricevono migliaia di candidature perciò potranno dedicare solo pochi secondi al tuo CV.

Una regola importante da seguire per far risaltare le tue esperienze professionali è quella di non scrivere semplicemente le tue mansioni nei differenti posti di lavoro ma focalizzarti sui risultati e sull’impatto che hai avuto.

Il consulente è spesso assunto per risolvere un problema, migliorare un prodotto, individuare possibili strategie alternative per l’azienda. Se i tuoi progetti sono andati a buon fine e hai raggiunto e superato obiettivi, è il momento di dirlo, anche con numeri e grafici. Farà sicuramente un’ottima impressione.

Competenze professionali e informatiche

I consulenti sono considerati veri e propri esperti nel proprio settore. Che si tratti di risorse umane, finanza, o messa in sicurezza di sistemi informatici, quando vieni assunto come consulente, l’organizzazione mette nelle tue mani temi e processi delicati aspettandosi risultati e miglioramenti.

Come dimostrare di essere all’altezza di questa fiducia? Fare un semplice elenco delle proprie capacità non basta, bisogna saper provare quello che si dice di saper fare.

Ecco alcuni esempi che possono aiutare:

  • Numeri e percentuali di successo
  • Piccole citazioni di referenze
  • Certificati, premi, e riconoscenze
  • Diplomi di abilità tecniche specifiche/ uso di software e macchinari

Vocabolario specifico e consigli di redazione

Il CV è un primo assaggio delle tue capacità comunicative, perciò non solo deve essere scritto bene ma deve anche essere convincente e facilmente comprensibile. Come ottenere questo risultato? Ecco dei trucchi:

  • Usare elenchi puntati e numerati
  • Comporre frasi e paragrafi brevi
  • Indicare bene i titoli delle sezioni
  • Includere cifre e percentuali
  • Sottolineare i concetti più importanti con il grassetto

Inoltre, a seconda del tuo campo specifico, considera introdurre le parole-chiave che ti faranno riconoscere subito come un esperto nel settore. Queste, poi, sono utili per superare con successo la prima barriera dei software ATS nel processo di selezione. Continua a leggere per trovare le migliori parole-chiave per il CV da consulente.

Parole-chiave da usare

  • Problem solving
  • Parere
  • Ricerca
  • Soluzioni
  • Fiducia
  • Committente
  • Formazioni
  • Esternalizzazione
  • Appalto
  • Consulenza aziendale
  • Consulenza a persone fisiche
  • Clienti
  • Risultati
  • Obiettivi
  • Prodotto
  • Presentazione

Verbi d'azione

  • Presentare
  • Consigliare
  • Preparare
  • Insegnare
  • Ottenere
  • Adempiere
  • Migliorare
  • Suggerire
  • Provare
  • Ricercare
  • Vagliare
  • Valutare
  • Finalizzare
  • Rifinire
  • Innovare
  • Contattare

Esempi di CV per Consulente

1. Per candidarsi come consulente per raccolte fondi

  • Partita IVA
  • Abilità nel trovare fondi in Italia e in ambito europeo
  • Laurea in relazioni internazionali, diploma in negoziazione
  • Contatti nel pubblico e nelle fondazioni

Consulente in materia di ricerca fondi pubblici per enti e organizzazioni. Negli ultimi 2 anni ho trovato risorse per nuovi progetti per un totale di oltre 7 milioni di euro e aiutato a rinnovare contratti per un totale di oltre 350mila euro. Libero professionista alla ricerca solo di progetti che facciano la differenza.

Scarica ora il tuo CV da consulente freelance
  • Preparazione
    di preventivi
  • Networking
    efficace
  • Produzione
    di infografiche, presentazioni, video
  • Disponibile
    per sessioni di coaching, formazione, seminari

2. Per candidarsi come consulente di produzione

Consulente aziendale specializzato in processi di produzione digitale. Ottimizzazione di sistemi e procedure e ricerca di soluzioni efficaci. Esperienza soprattutto in agenzia. Esperto e appassionato di tecnologia e progetti all’avanguardia.

  • Formazioni e seminari aziendali (team fino a 36 persone)
  • Abituato a lavorare in presenza e in digitale
  • Conoscenza basica di linguaggi di programmazione
  • Diploma di Scrum Master
Proponiti oggi come consulente
  • Benchmarking
  • Assessoramenti
    e valutazioni
  • Capace di suggerire
    migliorie e raggiungere risultati nei tempi richiesti
  • Valutazione positiva
    dei clienti sulle soluzioni implementate nel 98% dei casi