Come aggiornare il curriculum

Per quanto sia di estrema importanza, non tutti si preoccupano di aggiornare il curriculum periodicamente e regolarmente, sulla base delle competenze acquisite, delle esperienze e dei relativi risultati che si desidera ottenere.

Al contrario, per affrontare il mondo del lavoro con determinazione, è opportuno rivedere e aggiornare il cv con una periodicità variabile. Non si tratta certo di un documento statico e, per gestire meglio la ricerca del lavoro, deve rispecchiare le proprie esigenze e i desideri attuali.

post it aggiornare il cv

Inoltre, occorre considerare che le esigenze del mercato del lavoro spesso si modificano, con la conseguente necessità di mettere in evidenza alcune competenze particolari.

Quando e come aggiornare il proprio curriculum

L’aggiornamento costante e continuo del curriculum consente una maggiore competitività e un più ampio raggio d’azione. Ovviamente, la frequenza dell’aggiornamento dipende da diversi elementi: l’età, il percorso di studi, il settore verso cui si orienta la ricerca del lavoro, gli obiettivi da raggiungere.

Un giovane, all’inizio della propria esperienza professionale, dovrà aggiornare il cv con maggiore frequenza di una persona già in possesso di una carriera significativa. L’aggiornamento del curriculum deve essere effettuato al termine di ogni nuova esperienza professionale così come di ogni percorso formativo.

Il consiglio è quello di dare valore a qualsiasi nuova competenza: questo permette non solo di aprirsi verso nuove opportunità, ma anche di ridurre al minimo la presenza dei vuoti temporali nel proprio background, poco graditi ai responsabili delle risorse umane.

Aggiornare il cv anche con le esperienze extralavorative

Quali sono le informazioni più adatte da aggiungere al proprio cv? Come abbiamo detto, è importante aggiornare il curriculum dopo avere terminato un corso di formazione, ad esempio un master, un periodo di studi all’estero o uno stage formativo presso un’azienda. Allo stesso modo è importante inserire le nuove esperienze lavorative, non importa se si tratta di periodi brevi, magari solo di pochi mesi.

Una buona idea è quella di aggiungere anche tutte quelle esperienze di carattere più personale che professionale: un impegno sociale nel volontariato, ad esempio, oppure la partecipazione ad un corso artistico o creativo per soddisfare una propria passione, o la semplice coltivazione di un hobby, dalla musica, alla fotografia, al giardinaggio. Le attività di questo tipo vengono considerate positivamente, poiché indicano curiosità e flessibilità.

Aggiornare regolarmente il cv anche durante i periodi di lavoro

Nella maggior parte dei casi, una volta trovata un’occupazione abbastanza stabile, il cv viene dimenticato o comunque considerato inutile. Non vi è nulla di più sbagliato, sia per chi redige il cv con metodi tradizionali, sia per chi lo inserisce in un portale dedicato alla ricerca di lavoro.

Mantenere il cv aggiornato per evitare le dimenticanze

I buchi temporali nel background professionale sono uno degli elementi meno graditi ai selezionatori, e lasciando il proprio cv privo di aggiornamenti regolari, dimenticare qualche esperienza importante, magari a distanza di anni, è molto facile. Dai periodi di lavoro, ai corsi di aggiornamento, all’acquisizione di nuove competenze: ricordare tutte le esperienze passate può essere tanto indispensabile quanto difficile.

Prevenire una nuova necessità di mettersi sul mercato

Una volta trovato un lavoro, non è detto che duri per sempre. Può accadere di rimanere di nuovo disoccupati, oppure, pur mantenendolo, di desiderare un cambiamento. Aggiornare periodicamente il cv significa anche disporre di uno strumento sempre pronto per ogni eventualità, qualunque sia la ragione per rimettersi sul mercato. Ed è certo più semplice l’aggiornamento frequente al dover rifare tutto di nuovo, con il rischio di escludere le informazioni più importanti.

Talvolta, anche per chi possiede già un lavoro soddisfacente, può infatti capitare l’occasione di candidarsi per il lavoro che si è sempre sognato: sarebbe davvero un peccato non poterlo fare a causa di un cv incompleto e poco interessante.