Il formato del Curriculum Vitae

Scegli il formato migliore per il tuo curriculum

Fra tutti gli aspetti che riguardano la creazione di un curriculum vitae, scegliere il formato giusto è sicuramente uno dei più difficili. Per fortuna, ad alleggerire questo compito complicato, entra in gioco la possibilità di usare un formato di curriculum editabile. In ogni caso, anche se sceglierete comunque di creare il vostro curriculum da zero, potrete prendere ispirazione dai tanti esempi di cv già pronti.

Il contenuto di un cv è sicuramente importante, ma la prima cosa che balza all’occhio di un selezionatore è sicuramente il formato nel quale il cv si presenta. Questo aspetto è incredibilmente importante perché è il biglietto da visita stesso del curriculum vitae. Se il formato non è adeguato, anche se il contenuto è ottimo potrebbe non ricevere l’attenzione che si merita.

Sapere come si scrive un curriculum è dunque molto importante, ma anche sapere come creare un formato adeguato fa la sua parte, specialmente nei primi momenti del processo di selezione. Il curriculum vitae è il vostro biglietto da visita e, come tale, deve presentarsi in maniera impeccabile.

Il selezionatore che riceverà il vostro curriculum non spenderà infatti più di una manciata di secondi prima di inquadrarvi. Va da sé, che il formato del cv debba essere di facile leggibilità e di impatto. Solo in questo modo, sarà possibile essere chiamati per un colloquio e superare il primo step del processo di selezione. Per non commettere inutili errori, è possibile utilizzare un formato di curriculum già preimpostato.

 

Come creare un formato per il cv

Dopo aver scelto un modello adeguato per il cv che si vuole creare, e aver deciso almeno in modo schematico quali sono le sezioni che si vogliono inserire, il passo successivo da compiere è quello di strutturare il curriculum avendo bene in mente quali sono le informazioni che si vogliono includere.

I template per i curriculum sono generalmente simili per ogni ambito, ma è consigliabile investire un po’ di tempo per ricercare alcuni esempi di curriculum del proprio settore. Ad esempio, se ci si candida per una posizione di grafica, compilare un semplice curriculum bianco con un font Times New Roman potrebbe non essere una buona idea. Meglio inserire qualche dettaglio che faccia capire la propria predisposizione per la grafica, anche qui però, senza esagerare e senza utilizzare troppi colori.

Un buon formato per il curriculum è assolutamente essenziale per non farlo risultare un’accozzaglia di esperienze e di titoli di difficile comprensione.

Elencare le ultime esperienze personali, le proprie capacità e l’università frequentata va bene, ma renderle visivamente chiare è ciò che darà una marcia in più al curriculum vitae. Molto importanti sono anche i margini, le spaziature e le dimensioni dei caratteri. Il tutto deve essere omogeneo e deve combaciare e dare un’idea di grande attenzione al dettaglio. Utilizzare un formato per il curriculum preimpostato rende questo passo molto più semplice, e vi aiuterà a non commettere errori di distrazioni o comuni sviste.

Ecco alcuni consigli basici su come creare il layout giusto per il proprio curriculum:

Questi consigli possono essere applicati ad ogni tipologia di cv, sia che si tratti di un modello per studenti sia per un modello di professionisti:

  • Usare il grassetto o diverse dimensioni di caratteri per evidenziare le parole chiave
  • Usare un carattere chiaro e leggibile
  • Usare un font comune, come Times New Roman, Arial o Calibri con dimensione 10 o 12
  • Usare le spaziature e i margini nel modo giusto
  • Usare elenchi puntati e numerati per elencare abilità
  • Mantenere il cv omogeneo, ad esempio tutti i titoli in grassetto, tutte le date in corsivo etc

Seguire questi consigli renderà anche più facile che il curriculum vitae non venga scartato in un eventuale passaggio con il sistema ATS (Applicant Tracking System) che viene utilizzato nelle grandi aziende.

Prima di pensare alla tipologia di formato che si vuole adottare, è importante assicurarsi che il formato di curriculum vitae scelto abbia tutte le sezioni che desideriamo includere. Ma quali sono le sezioni che proprio non possono mancare in un curriculum? Ci sono varie scuole di pensiero per quanto riguarda il sommario, alcuni consigliano di includerlo e altri di non farlo. Quello che viene considerato da tutti immancabile è però la sezione contenente i dati personali del candidato. Questa sezione, che non è obbligatoria e che comunque può variare, dovrebbe contenere alcune informazioni di base, come il nome, la data di nascita, la nazionalità e la foto.

Attenzione però, la foto in Italia non è obbligatoria ed è anche vietato per legge porre domande personali al candidato durante il colloquio, quindi non sentitevi obbligati a rivelare più informazioni di quanto vogliate.

Le sezioni che non devono mai mancare sono:

Esperienza lavorativa

Le esperienze lavorative pregresse non devono assolutamente mai mancare. Sembra una cosa banale, ma molti candidati che scrivono il loro cv per la prima volta e non hanno alcuna esperienza di lavoro, lasciano questa sezione in bianco. Non fatelo! Inserite qualcos’altro, uno stage, un’esperienza di volontariato, anche un lavoretto estivo andrà bene. Ricordate che per ogni lavoro ed esperienza potrete dimostrare abilità e capacità imparate.

Educazione

Questa sezione ovviamente non deve mancare per nessun motivo. Tuttavia, alcuni professionisti nel settore da molti anni, tendono a tagliare corto, o dimenticano di evidenziare gli ultimi corsi di aggiornamento ai quali hanno partecipato. Non commettete questo errore: l’educazione rimane sempre importante, anche per i professionisti.

Abilità e competenze

Questa sezione è importante per rendere il cv più personale. In quanti hanno frequentato l’università e svolto tirocini? Tanti. Ma non tutti sanno le stesse lingue che sapete voi oppure hanno le stesse abilità o hobby particolare. Questa sezione ha il potere di rendere il vostro curriculum unico.

Tipi di formato di curriculum

Creare un formato per un curriculum non è sempre facile, come già abbiamo visto, ma fortunatamente è possibile utilizzare un template già pronto per iniziare il proprio curriculum e poi personalizzarlo seguendo le proprie inclinazioni, necessità e gusti. Ci sono svariate tipologie di formati per cv già preimpostati che hanno diversi modi di presentare i dati del candidato. Non c’è un formato universalmente migliore di un altro: tutto dipende dalle esigenze dei singoli candidati. Ecco quali sono le tre tipologie di formati più conosciute e che andranno bene per qualsiasi azienda.

Curriculum Vitae cronologico

Il più comune e anche il più diffuso tra i tipi di formati di curriculum è sicuramente il cv cronologico. In questo formato, le esperienze vanno inserite in ordine cronologico, iniziando con l’esperienza lavorativa oppure l’educazione scolastica più recente, e poi continuando con le esperienze nel passato, per finire con l’esperienza più lontana nel tempo.

Curriculum Vitae funzionale

Il curriculum funzionale utilizza un approccio diverso rispetto al cv cronologico, andando a porre l’attenzione principalmente sulle abilità e competenze che il candidato possiede e che lo rendono il candidato perfetto per quella determinata posizione. Si tratta di un formato molto utile per i candidati che non hanno una lunga storia lavorativa alle spalle ma non solo.

Curriculum misto o combinato

Già il nome indica che questo formato è un mix dei due formati precedenti. Questo formato di curriculum vitae combinato usa entrambi i metodi elencando le esperienze in ordine cronologico, ma anche evidenziando le competenze e le abilità dei candidati.

Come scegliere il miglior formato di curriculum?

Non esiste un formato migliore di un altro. Dipende tutto dal motivo per il quale il curriculum deve essere scritto e dal singolo candidato. In ogni caso, è più facile di quanto si creda perdere occasioni importanti di lavoro solo perché il nostro cv non è redatto nel migliore dei modi. Ma come fare a capirlo?

Ecco alcune indicazioni di base per potersi orientare nel mondo dei formati per cv, e riuscire a capire quale sia il più adatto alle diverse esigenze:

  • Formato di cv cronologico: Ideale per i candidati che hanno un percorso lineare e pochi buchi temporali tra un lavoro ed un altro. Questo formato è molto amato perché permette di capire facilmente il percorso del candidato.
  • Formato di cv funzionale: Adatto agli studenti che hanno poca esperienza professionale, o che hanno dei buchi temporali tra un’occupazione e l’altra.
  • Formato di cv misto: Perfetto per chi cerca un cambio di carriera, ma anche per chi ha delle abilità e competenze professionali dimostrabili ma ha lavorato in diversi campi o diverse industrie.

Il modo migliore per capire se il formato di curriculum scelto faccia o no al caso vostro è di ripensare ai vostri obiettivi e alla vostra carriera professionale. Per non sbagliare, è un’ottima idea quella di usare un template creato ad hoc da esperti del settore.

Potete anche utilizzare il nostro creatore di cv online per personalizzare il template scelto a vostro piacimento. Alcune aziende in Italia, ma soprattutto alcune realtà istituzionali, richiedono il cv in formato europeo. In quel caso, vi consigliamo di avere due curricula pronti all’uso, uno normale ed uno in formato europeo.

Modello di curriculum vitae e formato

Vi sarete probabilmente già chiesti quale sia la differenza tra modello di cv e formato di cv. Il modello indica una diversa tipologia di curriculum: ad esempio cv per studenti o cv per professionisti. Il formato invece, indica come viene strutturato il curriculum vitae, ad esempio in modo cronologico o no.

Scegliere il giusto formato e il giusto modello è molto importante per la riuscita di un buon curriculum vitae. Se si sceglie un modello di cv per studenti sarà opportuno utilizzare un formato di cv funzionale o misto, dato le scarse esperienze lavorative. Non si tratta però di una regola ferrea, bisogna sempre analizzare caso per caso quale sia la soluzione migliore da adottare.

Usando il nostro online cv builder sarà più semplice creare il modello ed il formato giusto, sia per gli studenti alle prime armi, che per i professionisti con anni di esperienza alle spalle. Scegliere il giusto modello e formato risulta meno difficile se si utilizza un template già preimpostato, e anche meno rischioso. Gli studenti alla ricerca del loro primo lavoro potranno usare un template per il cv funzionale, evidenziando anche stage e esperienze di volontariato come esperienze professionali che indichino le loro abilità e competenze.

I neolaureati potranno usare un formato combinato, per evidenziare sia le proprie competenze che le esperienze lavorative. In questo caso, anche il formato cronologico potrebbe essere la soluzione giusta.

I professionisti potranno usufruire di uno strumento utile per compilare il curriculum vitae più velocemente ma non per questo in modo scadente. Anche chi cerca di effettuare un cambio di carriera sarà avvantaggiato dall’utilizzare un template per il cv.

OnlineCV offre consigli per rendere il vostro cv unico e personalizzato ed aiutarvi a trovare il lavoro dei vostri sogni, leggete anche la nostra guida su come scrivere il curriculum vitae e la nostra guida sui vari modelli di cv.