La lettera di presentazione in inglese: perché è importante e come redigerla

La lettera di presentazione in inglese: perché è importante e come redigerla

Quando inviamo un’autocandidatura a un’azienda, oppure rispondiamo a un annuncio di lavoro, oltre a redigere un CV con precisione e accuratezza, è molto importante realizzare anche una lettera di presentazione che lo accompagni.

Si tratta di un documento con il quale parliamo brevemente di noi stessi con un tono professionale ma non esageratamente formale, evidenziando i nostri punti di forza e le ragioni per cui ci stiamo candidando ad una determinata professione.

Se in Italia la lettera di presentazione non rappresenta un’effettiva consuetudine, all’estero è considerata importantissima: anzi, si tratta addirittura del primo documento che il reclutatore o il responsabile delle risorse umane procederà a leggere, prima ancora di esaminare il CV.

Questo significa che, per proporsi a una multinazionale o per partecipare a una selezione di personale presso una società con sede all’estero, è importantissimo saper redigere una lettera di presentazione in inglese con la massima cura.

Come scrivere correttamente una lettera di presentazione in inglese

Quella che noi definiamo come lettera di presentazione, in inglese viene chiamata comunemente cover letter o, per essere più raffinati e precisi, motivation letter, ovvero lettera motivazionale. Infatti, come abbiamo visto, la ragione per cui si scrive una cover letter è proprio quella di rendere nota la propria motivazione.

Il primo elemento da considerare riguardo alla cover letter, è la sua importanza: poiché verrà sicuramente letta, dobbiamo considerarla uno strumento per distinguerci dagli altri, senza tralasciare l’eleganza e la professionalità.

Una cover letter non deve essere una semplice sintesi del curriculum vitae e non deve essere più lunga di una pagina, evitando di inserire informazioni già rese note.

Gli elementi più importanti da evidenziare nella cover letter

Una presentation letter deve essere chiara ed esplicita, ma allo stesso tempo concisa: la lunghezza ideale è di 4/5 paragrafi di alcune righe ciascuno: fortunatamente l’essenzialità della lingua inglese ci permette di raccontare molto anche in poche frasi.

È importante concentrarsi soprattutto sulle ragioni per cui abbiamo deciso di candidarci a una certa posizione o comunque di proporci presso una determinata azienda: il ruolo principale della lettera è quello di farci ottenere il posto non solo per le competenze, ma soprattutto per la motivazione.

Ci soffermeremo quindi sulle competenze tecniche e sul background, ma anche sugli aspetti più personali e caratteriali che possono predisporci a svolgere un certo incarico.

lettera di presentazione in inglese

La forma ideale per una motivation letter

Ovviamente non dobbiamo dimenticare che una lettera di presentazione, anche se in inglese, è prima di tutto un documento, dobbiamo quindi mantenere una certa formalità e attenerci ad un linguaggio non troppo tecnico ma professionale, con uno stile personale e al contempo sintetico.

Le sezioni della lettera di presentazione in inglese sono quelle classiche e consuete anche per la versione italiana:

  • Intestazione e oggetto – in questa sezione, oltre ai propri dati personali, è indicata la ragione sociale del destinatario e, se noto, il nome di una persona di riferimento
  • Paragrafo introduttivo – dove evidenziare la propria intenzione a candidarsi per una determinata posizione
  • 1 o 2 paragrafi descrittivi – nei quali fare emergere la propria motivazione, oltre alle competenze, al curriculum scolastico e alle esperienze professionali
  • Conclusione – in cui si ringrazia per l’attenzione e si saluta, con firma rigorosamente in originale

Nel paragrafo introduttivo possiamo rivolgerci ad un destinatario specifico, se ne conosciamo il nome, oppure più genericamente ai responsabili delle selezioni e del personale. Avremo quindi le seguenti formule:

  • Dear Mr / Mrs / Dr e il nome del referente, se lo conosciamo. Questa è la formula preferibile
  • Dear Hiring Manager / HR Manager / Dear Recruiting Department se non abbiamo un nome di riferimento
  • To Whom It May Concern se si tratta di una piccola azienda e non sappiamo chi provvede ad esaminare le candidature

A questo punto possiamo indicare se si tratta di un’autocandidatura o meno:

  • I’m interested in the … position o I’m writing to apply for the … position proseguendo, nel caso di risposta ad un annuncio, con advertised on citando la fonte a cui ci stiamo riferendo.

Successivamente passeremo a mettere in risalto le nostre principali motivazioni:

 

  • I feel my skills are ideally suited to this job oppure Always intended to have a career in …

Nel terzo paragrafo parleremo delle nostre effettive esperienze e competenze, citando come riferimento il CV allegato:

 

  • As you can see in my CV, I have extensive experience in …

Per poi, alla fine, salutare il nostro interlocutore e ringraziarlo:

 

  • Thank you for your time and consideration, yours sincerely …

In un brevissimo PS dopo la firma possiamo indicare la presenza di eventuali allegati, il CV così come diplomi, qualifiche e certificati particolari.

 

  • I have enclosed my resume and …

Grafica e aspetto estetico della motivation letter

Ugualmente a una lettera di presentazione in italiano, anche per la versione internazionale è importante scegliere una grafica semplice ed elegante, meglio ancora la carta intestata, stampata in blu o nero su carta avorio o bianca.