Come scrivere il primo curriculum

Come scrivere il primo curriculum

Ci sono argomenti che non sono trattati nei programmi di studi e non sono neppure oggetto di corsi di specializzazione, ma che dovrebbero far parte del bagaglio di conoscenze di ogni lavoratore.

Uno di questi è l’arte di scrivere il curriculum vitae. Imparare come scrivere il primo CV è un’esperienza utile per trovare il primo impiego, ma sviluppare le capacità per compilarlo bene servirà per tutta la vita professionale.

Sono molte le cose da sapere per scrivere il CV correttamente, e assicurarsi di fare buona impressione su chi lo leggerà.

Vuoi imparare come scrivere il primo CV perfettamente?

Continua la lettura, e alla fine avrai tutto ciò che ti serve per realizzare un impeccabile curriculum e giocare al meglio le tue carte per un’assunzione.

scrivere il primo curriculum

I principali elementi da considerare per scrivere il primo curriculum

Vediamo quali sono gli elementi del CV e quali occorre considerare con maggiore attenzione per te che vuoi sapere come scrivere il primo curriculum.

Se vuoi presentarti al meglio devi scegliere il formato adatto

Utilizzare il formato adatto non è solo un modo per presentare al meglio i dati che ti riguardano, ma permette anche al selezionatore di trovare le informazioni che gli servono più facilmente e con rapidità.

I responsabili del personale, nella prima selezione, non possono dedicare troppo tempo a ogni CV e se riesci a catturare velocemente la loro attenzione, aumenterai le possibilità di essere chiamato al colloquio conoscitivo.

Ci sono sostanzialmente 3 tipi di formato che puoi utilizzare: cronologico, combinato e funzionale, ognuno con diverse caratteristiche, da impiegare secondo il proprio background e le specifiche necessità.

Nel tuo caso, che stai per scrivere il tuo primo curriculum, è sicuramente più indicato il formato funzionale, adatto a chi ha poche o nulle esperienze professionali, e vuole perciò evidenziare le proprie competenze e capacità.

Il design giusto valorizza la tue capacità

Elemento di grande impatto visivo, scegliere il design che dà risalto alla tua candidatura è un must al quale non ci si deve sottrarre. Ti starai chiedendo qual è il migliore, e la risposta è semplice: è quello che ti consente di valorizzare le informazioni che ti riguardano, in armonia con la tua figura professionale ed esperienza.

OnlineCV ti dà la possibilità di scegliere fra molti modelli per il tuo curriculum: per esempio un template semplice potrebbe essere quello giusto per te, che ti stai affacciando al mondo del lavoro.

Una bella foto può aggiungere importanza al tuo curriculum

Se la foto non è richiesta dall’annuncio o se non fai parte di alcuni settori, come per esempio arte e spettacolo, non è obbligatorio aggiungerla al CV. Se decidi di metterla, dovrà inquadrare solo il volto, che avrà un’espressione serena e professionale. Foto si o foto no? Ne parliamo nel nostro articolo La foto per il curriculum.

Quali sono le sezioni migliori per il primo CV?

Le informazioni che si possono mettere nel curriculum sono molte, ed è opportuno dividerle in sezioni; alcune sono obbligatorie, altre facoltative.

A parte i dati personali e i dati di contatto, che sono indispensabili, e quindi obbligatori, ricordati di aggiungere solo quelle sezioni che sono importanti in relazione alla posizione offerta.

Se non hai esperienza di lavoro fai risaltare la formazione

Poiché ti stai candidando per il tuo primo posto di lavoro, nella sezione che riguarda l’esperienza lavorativa avrai poco o nulla di cui parlare. Allora è necessario descrivere in modo approfondito le tue capacità e competenze, e anche il capitolo che riguarda l’educazione e formazione dovrà avere particolare risalto.

Molto apprezzati, agli occhi di chi esaminerà il tuo curriculum, sono i corsi professionali ai quali hai partecipato e gli attestati e certificazioni ottenute. Questi elementi sono essenziali per aggiungere attendibilità alle tue dichiarazioni che riguardano competenze e abilità.

Esponi con slancio e sinceramente i tuoi obiettivi professionali

Una sezione necessaria: l’obiettivo. Dichiarare apertamente le tue aspirazioni e desideri, per il presente e il futuro, farà certamente un’ottima impressione.

Anche se ti stai candidando per il tuo primo posto di lavoro, dimostrare entusiasmo e motivazione a iniziare una carriera professionale è molto apprezzato dai selezionatori.

Se conosci le lingue straniere, e ritieni siano importanti per la posizione alla quale ti stai candidando, ricorda di specificare il tuo livello (ad esempio: base, intermedio, avanzato).

Parlare dei tuoi interessi e attività personali è utile per completare il profilo

Può essere molto utile anche aggiungere informazioni che riguardano tue attività non strettamente inerenti alla posizione offerta, ma che dimostrano buona volontà e voglia di fare, come per esempio le esperienze di volontariato. Anche aggiungere i tuoi hobby e interessi personali, senza dilungarti troppo, consentirà al selezionatore di conoscerti meglio.

Se qualcuno può parlare bene di te, non esitare a includere le referenze, citando il nome della persona, dove lavora e la posizione ricoperta; potrebbe per esempio essere un tuo professore di scuola.

Altri consigli su come scrivere il primo curriculum

Nella stesura del testo meglio adottare uno stile sobrio e conciso, evitando dettagli inutili; se usi elenchi puntati o numerati, è più facile essere sintetici.

Riguardo al carattere da utilizzare è opportuno scegliere fra quelli più usati, come per esempio Arial, Courier, Times New Roman, Garamond, Verdana; relativamente alla lunghezza del cv, ricorda che, in generale, un curriculum non dovrebbe superare le 2 pagine formato A4.

Le parole chiave ti permettono di superare la prima selezione

Non dimenticarti di inserire le parole chiave: sono quelle che trovi nell’annuncio al quale hai risposto; utilizzale nel CV – devono però corrispondere al tuo profilo professionale- perché sono utili per superare il vaglio dei software ATS. Questi programmi si servono anche delle parole chiave, per effettuare una prima selezione dei CV inoltrati.

Non giocarti la carriera raccontando frottole

Attenzione alle bugie; sappi che se hai deciso di mentire nel curriculum e hai la fortuna di essere assunto, la verità alla fine verrà a galla e quando succederà, potrai anche perdere il posto di lavoro, e avrai rovinato la tua reputazione.

Il tuo primo curriculum deve essere perfetto e senza errori

Per ultimo, ma non meno importante, ricordati che è indispensabile non fare errori.

Gli sbagli che puoi fare sono diversi: per esempio scegliere formato e design non idonei, oppure la lunghezza eccessiva del testo, o anche l’elenco di informazioni non rilevanti per la posizione richiesta; per non parlare degli errori di grammatica, ma anche di battitura, che i selezionatori detestano.

Rileggi molte volte il tuo CV e fallo leggere anche a qualcun’altro, che ti possa aiutare a trovare eventuali passaggi da correggere, refusi, o qualcosa che ti è sfuggito.

Ora hai sufficienti informazioni su come scrivere il tuo primo curriculum: non resta che mettersi all’opera.