Curriculum vitae da CV Artistico

Consigli di scrittura per il CV artistico

Scarica ora il tuo curriculum artistico

Modello di curriculum vitae da CV Artistico

Idee e consigli per il curriculum da CV Artistico

La carriera da artista è piena di soddisfazioni, riconoscimenti, incontri interessanti e addirittura avventure. L’Italia poi è un Paese con una solida tradizione artistica in molti campi ed è facile trovare accademie e istituzioni d’eccellenza con cui lavorare.

Certo è che il mondo dell’arte è anche spesso pieno di incertezza e diventa difficile assicurarsi una stabilità. Gli ingaggi e contratti sono soprattutto temporanei e a progetto e gli aiuti pubblici per chi si trova in difficoltà nel settore non sono molti.

Ecco quindi che diventa fondamentale avere un curriculum artistico aggiornato sottomano da poter inviare in qualunque momento.

Il curriculum artistico si focalizza solo sulle esperienze e capacità dell’artista che possono essere usate nella propria carriera. A differenza di altri tipi di curriculum, quindi, è difficile inserire in quello artistico voci che non hanno a che fare con la propria arte.

Inoltre, anche se originariamente pensato per gli artisti visivi come i pittori, il curriculum artistico si può adattare a qualunque tipo di artista, compresi, per esempio, attori e ballerini.

Consigli essenziali per il tuo curriculum vitae

Formato

Creativo o funzionale, a seconda delle esigenze

Design

Avanzato

Foto

No per pittori, sì per attori, modelli, e ballerini

Come organizzare le sezioni

    Obbligatori:

  • Informazioni personali e di contatto
  • Sommario iniziale
  • Capacità e abilità specifiche
  • Esperienza lavorativa e/o progetti

    Opzionali:

  • Esibizioni
  • Premi e riconoscimenti
  • Lingue straniere
  • Volontariato
Lunghezza del CV

1 o 2 pagine in formato A4

Formato

Il CV artistico è diverso da quello classico e ciò si riflette sul formato. Un curriculum in ordine cronologico inverso non renderebbe giustizia alle tue capacità artistiche. Per questo, è meglio preferire un formato creativo o funzionale che si concentra sulle tue capacità specifiche quali tecniche, materiali, strategie creative e stili.

Puoi anche decidere di usare un formato di CV combinato. Questo aggiunge le esperienze professionali dopo la parte tecnica. In questa maniera avrai l’opportunità di dare esempi pratici in cui hai usato le capacità che dici di avere.

Design

Gli artisti devono lavorare sul design del proprio curriculum un po’ più attentamente di altri professionisti. Nel caso di pittori ed esperti di arti visive la ragione è ovvia: dire di essere un pittore con grande senso del colore e delle forme e poi avere un CV artistico con un pessimo design è una contraddizione.

Ma anche gli altri artisti devono pensare al CV come a un biglietto da visita. Attori e cantanti hanno un marchio personale, una maniera in cui vogliono essere visti. Questo marchio (che abbia a che fare con la comicità o con il cantare in gruppo) deve vedersi rappresentato in qualche modo nel curriculum come se ne fosse il leitmotif.

C’è comunque da notare che l’eccentricità non è ben gradita nemmeno in un CV artistico, soprattutto quando rende il documento difficile da leggere.

Se non sei sicuro di come procedere, puoi sempre affidarti a un modello di curriculum artistico preformato che si adatti alle tue esigenze. Questi modelli sono pensati specificamente per il tuo campo e tutto ciò che dovrai fare sarà semplicemente completare gli spazi con i tuoi dati.

Foto

Ci sono artisti per cui la foto è necessaria perchè l’immagine è un fattore importante nel proprio lavoro. Questo è il caso, per esempio, di attori, modelli e cantanti.

Ci sono poi pittori, scultori e tutti gli altri per cui non serve e anzi occupa solo spazio sul CV.

Come organizzare le sezioni

L’ordine in cui decidi di mettere le sezioni è cruciale per un curriculum artistico di successo. Per decidere cosa mettere prima è importante adattare il CV al lavoro per cui stai facendo domanda.

Leggi bene l’annuncio di lavoro per capire che cosa si cerca. Poi pensa alle tue abilità e vedi dove le due cose coincidono.

Ecco le sezioni obbligatorie per la maggior parte dei CV artistici:

  • Informazioni personali e di contatto: a seconda dell’industria, potrebbe essere necessario aggiungere più del nome e il numero di telefono. Per i progetti in cui la fisicità è importante, bisognerà aggiungere dettagli come il colore degli occhi e l’altezza
  • Sommario iniziale: questo paragrafo introduttivo permette a chi scrive di presentarsi con le proprie caratteristiche più d’impatto e attirare immediatamente l’attenzione del lettore
  • Capacità e abilità specifiche: che si tratti di tecniche di recitazione o di stesura del colore, questo è il momento di far capire che sai il fatto tuo
  • Esperienza lavorativa e/o progetti: per quel che riguarda le tue esperienze di lavoro, parti da quella attuale o più recente e vai indietro nel tempo. Puoi anche aggiungere progetti invece che lavori a tempo pieno veri e propri, se questo si adatta di più al tuo caso

Ci sono poi delle sezioni che non sono obbligatorie in tutti i curricula artistici ma che potrebbero fare al caso tuo. Ecco alcuni esempi:

  • Esibizioni e gallerie
  • Premi e riconoscimenti
  • Lingue straniere
  • Volontariato, soprattutto se nel proprio campo professionale

Lunghezza del CV

Gli artisti spesso hanno moltissime esperienze, corsi e abilità da aggiungere al curriculum. Un CV artistico troppo lungo, però, è controproducente perchè farà perdere la pazienza al lettore.

È quindi meglio scrivere un documento di massimo 2 pagine in formato A4, meglio se una sola.

Sezioni di un CV per CV Artistico

Dopo aver dato un’infarinatura generale delle sezioni da aggiungere a un CV artistico, è il momento di vederne alcune più in dettaglio. Ricorda che al di là dei consigli per la stesura del curriculum artistico, è importante che tu ti focalizzi sul progetto o lavoro specifico per cui fai domanda e adattare le tue sezioni e il contenuto di conseguenza.

Competenze professionali e informatiche

Quando si tratta di un curriculum da artista, bisogna sempre cercare di essere il più pratici possibile per dare un’idea reale di quello che si sa fare. La sezione delle capacità artistiche specifiche è un’ottima occasione per farlo.

Entra nel dettaglio e usa anche termini tecnici. Vuoi assicurarti che chi legge trovi quello che cerca.

Usa elenchi puntati e numerati e, se lo ritieni necessario, puoi anche ricorrere a sottocategorie. In questo modo, sarà più facile leggere il tuo curriculum da artista, che apparirà anche meglio organizzato.

Non essere timido e pensa a tutti gli stili, le tecniche, i materiali, e i mezzi con cui puoi lavorare. Allo stesso tempo, quella di non mentire è sempre una delle regoli principali della scrittura di curricula.

Progetti

Come spiegato, è importante essere pratici nello scrivere un CV da artista. Un curriculum di successo è anche uno che prova che il proprio lavoro è stato giudicato positivamente e considerato professionale da clienti e critici.

La sezione dei progetti ed esibizioni (o spettacoli) ti aiuterà moltissimo. Altrettanto utile è quella dei premi e riconoscimenti nel tuo campo, se ne hai ricevuti.

Anche qui, sii specifico aggiungendo date, luoghi e nomi di compagnie e istituzioni. Se possibile, cerca anche di aggiungere numeri che ti possano aiutare a dare un’idea del tuo successo come artista.

Per esempio, puoi indicare il numero di pezzi esposti o venduti in un’esposizione, o il numero di partecipanti e il totale dei visitatori.

Vocabolario specifico e consigli di redazione

Usare parole-chiave è una strategia molto efficace per far capire che si è esperti nel settore. È consigliabile scegliere termini del gergo che si riferiscono al lavoro specifico che si vuole svolgere. Allo stesso tempo, si deve evitare di saturare il documento con un numero esagerato di termini tecnici.

Ricorda: uno dei fattori di successo più importanti per il curriculum è, a prescindere dal mestiere, la leggibilità. Per questo, si possono usare stratagemmi che rendano il testo più snello e digeribile, per esempio:

  • Grassetto e corsivo
  • Elenchi puntati e numerati
  • Paragrafi e frasi brevi
  • Titoli e sottotitoli ben segnalati

Parole-chiave da usare

  • Creativo
  • Visione
  • Disciplina
  • Vernici e smalti
  • Materiali
  • Design
  • Animazione
  • Preventivi
  • Stile
  • Scadenze
  • Colori
  • Clienti
  • Tecnica
  • Concetto
  • Ispirazione
  • Residenza artistica

Verbi d'azione

  • Creare
  • Animare
  • Completare
  • Illustrare
  • Modellare
  • Dirigere
  • Disegnare
  • Vendere
  • Scolpire
  • Modificare
  • Sviluppare
  • Esporre
  • Dipingere
  • Produrre
  • Concettualizzare
  • Rappresentare

Esempi di CV per CV Artistico

  1. Per candidarsi come pittore

Artista con anni di esperienza collaborando con gallerie e istituzioni pubbliche come comuni e scuole. Particolarmente interessato nella rappresentazione del territorio dei Laghi.

  • 2020, Casa, di nuovo, esposizione di gruppo al comune di Como
  • 2020, Collaborazione con il Teatro di Stresa per la creazione di volantini per la stagione operistica
  • Collaborazioni regolari con l’assessorato locale alla cultura
Crea ora il tuo CV da artista
  • Diploma
    di pittura di primo livello ottenuto all’Accademia di Brera
  • Diploma
    di Liceo Artistico
  • Collezioni
    aziendali e private
  • Cattedra
    di disegno creativo al liceo artistico di Omegna
  1. Per candidarsi come illustratore di libri

Illustratore di libri per bambini pluripremiato con progetti anche internazionali cerca collaborazione stabile con casa editrice.

  • Vincitore del Premio Bouganville per le illustrazioni di Un bruco felice
  • Vincitore del Premio Associazione Malati di SLA per le illustrazioni di Nascondino in corsia
  • 6 libri illustrati
  • Tecniche:
    acquerelli, olio, matita, carboncino, tessuti
  • Padre
    di 3 figli, desidero aiutare i bambini ad appassionarsi alla lettura
  • Esperienza
    nella comunicazione con autori e case editrici
  • Serietà
    nel rispetto di scadenze e istruzioni