CREA IL TUO CV ONLINE

Lavorare negli Stati Uniti

Una guida per trasferirsi e cercare lavoro negli Stati Uniti
Template CV

Come è risaputo, gli Stati Uniti sono un Paese di forte immigrazione, e quella degli italiani negli USA è una grandissima comunità. Molti discendenti di coloro che si sono trasferiti negli Stati Uniti nel secolo scorso sono ora a capo di grandi aziende e anche parte del governo e delle istituzioni americane.

Ma come andare a lavorare negli USA al giorno d’oggi? Se il viaggio intercontinentale è oggi più comodo, la burocrazia si è ispessita.

A differenza dei Paesi europei in cui ci si può muovere liberamente grazie agli accordi UE e Schengen, gli Stati Uniti richiedono un visto per la maggior parte dei visitatori. Chi intende lavorare in America avrà bisogno di un visto di lavoro che richiede la presentazione di documenti specifici. Questi possono variare a seconda dei casi.

Sarà poi necessario conoscere l’inglese e ottenere altri documenti ufficiali, una volta negli States, che ti permettano di iniziare la tua nuova vita all’estero.

È chiaro quindi che bisogna partire preparati. Puoi usare questa pagina come una guida per aiutarti a organizzare il tuo trasferimento in America. Troverai informazioni riguardo:

  • Visti di lavoro per gli USA e altri documenti necessari
  • Come trovare lavoro negli Stati Uniti
  • I profili professionali più ricercati e meglio pagati d’America

Come ottenere un visto di lavoro per gli Stati Uniti

È vero che gli italiani che vogliono andare negli States per le vacanze non hanno bisogno del visto. Invece, possono fare domanda online per una semplice autorizzazione ESTA, che richiede solo pochi minuti.

Chi invece vuole lavorare in America, però, deve ottenere un visto specifico. Lo stesso si applica a chi vuole studiare in un’università americana o rimanere per più dei 90 giorni permessi dall’ESTA.

Ecco quindi alcuni esempi di visti che, in forme diverse, permettono di lavorare negli USA:

  • Visto B1 dedicato a chi viaggia per brevi periodi per affari
  • Visto E, il visto per gli investitori
  • Visto F per studenti stranieri. Permette anche di studiare e lavorare allo stesso tempo
  • Visto J, l’Exchange visa (visto di scambio), pensato per i progetti di scambio interculturale e coloro che vogliono lavorare come ragazzi alla pari
  • Visto I per i giornalisti
  • Visti H, L, O, P, Q. Questi sono tutti visti che richiedono al candidato di avere un contratto di lavoro negli Stati Uniti con un’azienda o ente americano che può fare da sponsor

I requisiti cambiano a seconda del visto. Per esempio, potresti dover fornire copie del contratto di lavoro, della lettera di accettazione dell’università, oltre alla fedina penale e certificati medici.

Differenza tra permesso di lavoro e Green Card

Entrare semplicemente come turista e cercare poi lavoro è illegale. Si è autorizzati a lavorare negli USA solo se si è in possesso di un Temporary Work Visa o di una Green Card.

Il Temporary Work Visa, come suggerisce il nome, è inteso per coloro che si recano negli Stati Uniti per un periodo limitato di tempo per svolgere un lavoro. Grazie all’aiuto di uno sponsor o altri cambi nelle proprie circostanze, si potrà poi richiedere una Green Card e infine la cittadinanza.

La Green Card è un permesso di soggiorno permanente dato a coloro che intendono trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti. Di solito si dà a chi sposa un cittadino americano, ha uno sponsor, o parenti in America. C’è poi una lotteria annuale che mette in palio un numero ristretto di Green Cards.

Come trovare lavoro negli USA

Come spiegato, nella maggior parte dei casi è necessario trovare lavoro dall’Italia, prima di partire, per poter ottenere un visto. Con le dritte giuste e un CV ben scritto, può essere più facile di quello che pensi.

Il primo posto dove cercare è il web: al giorno d’oggi ci sono moltissime piattaforme per la ricerca del lavoro online. Le aziende multinazionali americane sono abituate a pubblicare annunci online e spesso sono disposte a sponsorizzare i talenti stranieri.

Se già conosci nomi di enti e imprese per le quali potresti lavorare, controllare direttamente sul loro sito web è un’ottima idea. Se no, puoi anche rivolgerti ad agenzie interinali americane.

La maggior parte di queste posizioni sono aperte a professionisti specializzati. Chi cerca un lavoro temporaneo e che non richiede esperienza o formazione particolari dovrà vedersela con la competizione dei cittadini americani che, trovandosi già sul posto, hanno spesso la meglio.

Ci sono però siti specializzati in lavori stagionali, tirocini, e contratti di au-pair che vale la pena controllare se sei all’inizio della tua vita professionale.

Come preparare il tuo CV per la ricerca di un lavoro in America

Non c’è dubbio che dovrai avere un curriculum in inglese impeccabile, privo di errori e strafalcioni. Soprattutto se non puoi presentarti di persona, il CV è il tuo biglietto da visita.

Ricordati che ci sono delle differenze tra il CV italiano e quello americano. Prima di tutto, anche se in Italia un curriculum di 2 pagine è a volte accettabile, taglia il testo fino a ottenere un documento di una sola pagina. Vai subito al punto e non aver paura di usare elenchi puntati e numerati.

Poi, a meno che tu non sia un modello o un attore, non inserire la tua foto. Anche in Italia si stanno iniziando a rimuovere le foto dal curriculum ma negli Stati Uniti è una vera e propria regola non scritta. Questo perchè le leggi sulla discriminazione sono pensate per evitare a tutti i costi di scegliere un candidato basandosi su fattori come l’aspetto fisico.

I salari medi negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono un Paese vastissimo dove lo stile di vita e la situazione economica possono variare molto a seconda dello Stato.

Come si può immaginare, i salari sono molto più alti in grandi città come New York, Los Angeles e San Francisco, ma è anche vero che spesso qui gli affitti sono alle stelle. Bisogna tenere conto di queste differenze quando si pensa ai salari americani.

In ogni caso, lo stipendio medio in America si aggira intorno 47 mila dollari (43 mila euro) annui per un lavoro full-time. La settimana lavorativa negli Stati Uniti è di 40 ore.

Quali sono i lavori più richiesti in America?

I settori dove c’è più richiesta al momento sono quello della sanità, delle tecnologie, e quello legale. Di conseguenza, questi sono spesso anche i campi meglio retribuiti.

Ecco i mestieri meglio pagati negli Stati Uniti. I salari indicati sono intesi come annuali.

  • Medico chirurgo: 338 mila
  • Anestesista: 350 mila
  • Radiologo: 350 mila
  • Psichiatra: 220 mila
  • Dentista: 165 mila
  • Ingegnere informatico: 170 mila
  • Direttore product manager: 160 mila
  • Commercialista: 160 mila